Seleziona una pagina

Legiferare con e per la Natura

Legiferare con e per la Natura

Nel pieno del dibattito sul Green New Deal, l’idea è di costruire un ambiente lavorativo e di vita reale immerso nella vegetazione, a simboleggiare la Natura che si riappropria dei propri spazi rimanendo in armonia con l’essere umano.  

Il Parlamento Europeo è il primo luogo da cui cominciare, non solo per il suo valore simbolico di una Europa che sta cercando la sua identità politica, ma anche per il suo ruolo operativo: è il luogo deputato alla stesura delle leggi che, per essere realmente efficaci e a difesa della Natura, devono essere scritte da persone che con la Natura abbiano maturato un vero legame.

Marco Zullo, Parlamentare Europeo
09.07.2020, Bruxelles (BE)

Artificio tra Natura e Ecologia

L’idea della trasformazione di una parte dello spazio interno del Parlamento Europeo nasce per dare una risposta a tutti questi problemi ambientali che si palesano sempre più negli spazi che noi viviamo. Per rappresentare una nuova idea di natura che è inscindibile dagli esseri umani come parte integrante dei processi ecologici, è stata pensata una installazione dove natura e artificio sono connessi tra loro, immaginando un processo di cambiamento sia culturale sia economico per rigenerare il nostro modo di agire.

Dr.ssa Sara Landi, Prof. Arch. Valerio Morabito, GREENARCO
09.07.2020, Bologna (IT)

Nature Calls Nature, l'origine dell'idea

Non è detto che un ufficio debba avere “l’aspetto di un ufficio”, dev’essere certamente attrezzato, ma non per questo deve risultare inospitale e impersonale. Quando ho cominciato a collaborare con Marco Zullo la revisione dell’ufficio è stata quindi il primo aspetto su cui ci siamo concentrati.

L’obiettivo non era semplicemente di natura ornamentale: sono convinta che chi legifera non possa non essere – tra le altre cose – un eccellente caregiver. Riuscire a far sopravvivere una pianta, racconta della propria capacità di prendersi cura di qualcosa che vive. Riuscire a far sopravvivere una pianta significa osservarla e capirne le esigenze. Significa farla crescere. In questa nuova legislatura, che sarà “il mandato del Green New Deal”, saper fare queste cose credo sia necessario più che mai.

Cosi gli ho proposto di rivedere l’ufficio in modo tale che quelle competenze fossero saggiate e, se necessario, apprese e allenate. Abbiamo scelto molte piante, una delle quali la Mimosa Pudica, perché ha la peculiarità (da cui il suo nome) di chiudere e piegare le sue foglie se la si sfiora.

L’idea del progetto “Nature Calls Nature” arriva proprio da qui: un giorno, chiedendo ad uno dei collaboratori informazioni sullo stato delle piante, la sua risposta: “La mimosa si muove, quindi funziona” mi sorprende. L’idea che inconsapevolmente una pianta potesse essere percepita come qualcosa di inanimato che meccanicamente si muoveva invece che come un essere vivente, ci ha fatto riflettere su quanto abbiamo bisogno di riabituarci alla Natura. La teniamo separata dalla nostra vita. È quasi assente dalle nostre case, dai luoghi di lavoro, che in molti casi potrebbero essere invece lussureggianti giardini, la releghiamo spesso solo ai momenti di vacanza, la immaginiamo possibile solo in luoghi esotici e lontani.

Nature Calls Nature nasce con l’intento di generare un rapporto più vicino e continuativo con la Natura.

Dr.ssa Maria Letizia Trento, Responsabile Risorse Umane e Stakeholders
09.07.2020, Bologna (IT)

rendering European Parliament 3° floor

Download

Presentazione del progetto/idea

Guarda

Video del progetto/idea

NatureCallsNature è una idea che vuole essere costruita assieme a chiunque si voglia unire.

NatureCallsNature logo
Privacy Policy